OLTRE VENTI

Carissimi/e,

la celebrazione del nostro ventennale è stata splendida. E questo è un giudizio ampiamente diffuso tra i partecipanti. Ma adesso lasciamo da parte il passato e guardiamo verso il futuro che non potrà mai essere una ripetizione degli eventi trascorsi. Siamo davanti ad un futuro che dobbiamo in parte accogliere e in parte inventare. Nel momento di spiritualità che insieme abbiamo vissuto la sera di venerdì 16 giugno, abbiamo fatto riferimento alla Sapienza che noi invochiamo per essere in sintonia con Dio creatore. Essere in sintonia con il Signore Dio nostro vuol dire riscoprire la spiritualità che dà senso alle nostre giornate. Vuol dire ancora che dobbiamo avere fraternità con ogni altra persona e vicinanza con l’intero creato. Se così facciamo, la nostra vita si riempie di gioia. Abbiamo pensato anche al futuro che abbiamo davanti: un futuro in cui abbiamo la capacità di creare pace ogni qualvolta lavoriamo per promuovere situazioni di pace. Abbiamo detto che nostro compito è quello di costruire colonne portanti su cui ogni persona potrà poggiare la propria pace. Se, ad esempio, aiutiamo il nostro prossimo a vivere in serenità sarà facile che questo nostro prossimo vivrà pace nella famiglia, nell’ambiente di lavoro e nella società. Se aiuteremo il nostro gruppo sociale ad essere solidale, allora sarà più facile per i componenti creare rapporti pacifici. Qualcuno potrà obiettare che queste sono belle parole e che tra il dire ed il fare c’è di mezzo il mare. Ebbene Assisi Pax vuole insegnarci a togliere questo mare e rendere vicine le sponde. Come si fa? mi direte. Con la nostra creatività e con un forte collegamento che dobbiamo realizzare tra noi. Se io sperimento una idea che porta pace, allora la comunicherò con prontezza ai nostri Soci ed Amici. Se io inizio un lavoro o prendo una qualche iniziativa che frutti vicinanza e fraternità, allora ne parlerò, ne scriverò nella speranza di incontrare chi possa o voglia collaborare. Vi porto un esempio e spero che almeno qualcuno voglia interessarsi a riguardo. Se, ad esempio, andate a vedere in internet officina della solidarietà troverete (indicate dalla Santa Sede) molte iniziative e spunti per aiutare il prossimo. Ci sarà certamente qualche iniziativa con cui possiamo interagire. Ecco un passo avanti nel futuro di Assisi Pax. Ci sono poi iniziative locali da portare avanti o con cui collaborare. Avanti con capacità ed inventiva! E quello che farete, vi prego, fatelo conoscere agli altri Soci tramite il nostro sito o con qualunque altro mezzo. E dobbiamo tener presente anche la parte culturale e, se si sarà capaci, anche quella politica perché si possa aiutare una visione sana e cristiana della vita associata. Quante altre cose potrete farci conoscere perché le avete realizzate? Proviamoci in un impegno fraterno. Proviamo a comunicarci le cose belle e sane. Ed ora approfitto di questa newsletter per salutare tutti e per ringraziare tutti coloro che hanno lavorato per celebrare il nostro ventennale. Hanno fatto lavoro duro, ma lavoro importante e bello. Ora diamo seguito a quanto di bello vi è stato nel ventennio e nella sua celebrazione ed andiamo avanti con inventiva verso il futuro. E Dio vi benedica tutti.

GianMaria Polidoro ofm.