RIFLESSIONI SULL’ECOLOGIA

Le notizie degli ultimi giorni, riguardanti ad esempio l’utilizzo di scimmie come cavie per testare la tossicità dei gas di scarico delle auto, ci confermano che l’uomo è purtroppo molto lontano dall’essere in quella situazione di “Pace con il creato” che rappresenta il fine cui dovrebbe tendere una filosofia di vita improntata all’ecologia, dove eco (dal greco oikos, come noto) etimologicamente vuol dire, è bene ricordarlo, “casa”, perché la natura è la nostra casa, e non ce n’è un’altra prontamente disponibile. Le nostre città sono invece colpite da un crescente inquinamento, favorito dai sempre più lunghi periodi di siccità, dovuta alle temperature anomale, conseguenza del riscaldamento globale. Se non si impara a rispettare tutte le creature di Dio e non si pone un freno al processo di inquinamento in atto le conseguenze potrebbero essere devastanti, come un’accelerazione del processo di desertificazione con conseguente calo della produzione agricola, con le conseguenze facilmente intuibili. E’ quindi necessario comprendere che rispettare il pianeta significa rispettare noi stessi e le future generazioni e che l’adozione di politiche rispettose dell’ambiente non costituisce più un’opzione ma una ineludibile necessità.