TEOLOGIA SEMPLICE

TEOLOGIA SEMPLICE di GianMaria Polidoro, editrice MARNA:  euro 8,00

 

La riflessione sviluppata in Teologia Semplice da fra Gianmaria Polidoro fuoriesce da alcuni luoghi comuni di cui è impastata la nostra cultura pervasa dal moralismo, dal buonismo e dal politicamente corretto, tutti ingredienti per confezionare quella velenosa miscela d’ipocrisia cui rischiamo di abbeverarci ogni giorno.

A circa metà percorso l’autore afferma “le Beatitudini non sono un punto di arrivo, ma un punto di partenza”: vero! Come dire che solo una sana teologia può fondare una sana e lieta morale. Così infatti si articola il libro: dapprima una seria, ancorché semplice, discussione dei fondamenti; poi le ragionevoli e soprattutto praticabili conseguenze che ne scaturiscono.

Ma la prima parte, dedicata appunto ai fondamenti, non ha nulla di apologetico e precettistico. Muove da fatti, esperienze, incontri concreti dell’autore che via via lo hanno sollecitato a riflettere, ragionevolmente, innanzitutto sulla propria vita. Un metodo, se così si può dire, molto francescano sia circa il punto di partenza sia per lo sviluppo della riflessione stessa. Un metodo, è il caso di sottolineare, in linea con l’atteggiamento di Benedetto XVI e, per quanto si è avuto modo sin qui di comprendere, con quello di papa Francesco.

Le conseguenze pratiche, “morali”, che costituiscono la seconda parte del libro non hanno alcun carattere impositivo ma discendono, lietamente, da quanto approfondito nella prima parte. Insomma fra Gianmaria ci convince che la vita è bella, per cui vale la pena di prenderla sul serio, e che Gesù Cristo è il compagno più gioioso, affabile, affidabile e ragionevole per viverla con pienezza (senza che nulla vada perduto).

                                                                                                                                                                           Paolo Desinano